Si tratta di un progetto finanziato (sin dal 2003) dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e concernente la messa a punto di sistemi di Computer Assisted Diagnosis (CAD) mediante lo sviluppo di algoritmi per l'elaborazione di immagini biomediche, anche attraverso l'uso di GRID. Al progetto partecipano le sedi universitarie e INFN di Torino, Genova, Pisa, Palermo, Lecce, Sassari, Napoli, Bari. Responsabile nazionale e' il dott. Cerello (INFN Torino). Il gruppo leccese e' costutiuto da circa 10 persone tra docenti della Facolta' di ScienzeMM.FF.NN., dottorandi e borsisti. Il coordinatore del gruppo leccese e' il dott. Ivan De Mitri. Egli e' anche responsabile scientifico di una convenzione tra l'Università del Salento e la ASL-Lecce riguardante gli stessi temi.

Magic-5: Medical Application on a Grid Infrastructure Connection

I. De Mitri;
2008

Abstract

Si tratta di un progetto finanziato (sin dal 2003) dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e concernente la messa a punto di sistemi di Computer Assisted Diagnosis (CAD) mediante lo sviluppo di algoritmi per l'elaborazione di immagini biomediche, anche attraverso l'uso di GRID. Al progetto partecipano le sedi universitarie e INFN di Torino, Genova, Pisa, Palermo, Lecce, Sassari, Napoli, Bari. Responsabile nazionale e' il dott. Cerello (INFN Torino). Il gruppo leccese e' costutiuto da circa 10 persone tra docenti della Facolta' di ScienzeMM.FF.NN., dottorandi e borsisti. Il coordinatore del gruppo leccese e' il dott. Ivan De Mitri. Egli e' anche responsabile scientifico di una convenzione tra l'Università del Salento e la ASL-Lecce riguardante gli stessi temi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12571/3480
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact